Accordo CDP-CEB: 150 milioni di euro per le Pmi italiane

Accordo CDP-CEB: 150 milioni di euro per le Pmi italiane

La linea di credito è finalizzata alla concessione di finanziamenti per l'acquisto di nuovi macchinari, impianti, beni strumentali e tecnologie

Roma, 15 novembre 2016

Ammonta a 150 milioni di euro la linea di credito che la Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa (CEB) ha accordato a Cassa depositi e prestiti.  La somma - secondo quanto prevede l’accordo sottoscritto dai due Istituti - è finalizzata alla concessione di finanziamenti alle micro, piccole e medie imprese italiane, che potranno richiedere la liquidità attraverso il sistema bancario per finanziare l’acquisto di nuovi macchinari, impianti, beni strumentali e attrezzature ad uso produttivo, incluse le tecnologie digitali, hardware e software.

L’operazione supporta il ‘Plafond Beni Strumentali’ di CDP, istituito con l’obiettivo di accrescere la competitività delle Pmi italiane, favorendone l’accesso al credito e contribuendo alla creazione di occupazione, con una dotazione complessiva di 5 miliardi di euro. Inoltre consente a CDP di mantenere il più possibile concorrenziali le condizioni economiche del Plafond, a vantaggio dei costi di indebitamento delle Pmi. In circa due anni di operatività, attraverso lo strumento sono stati concessi finanziamenti a oltre 11.000 Pmi, per un valore di circa 3,2 miliardi di euro.

Con l’accordo - che rappresenta la prima operazione rilevante di CEB in Italia negli ultimi 9 anni nonché la prima operazione mai conclusa con CDP - si allarga ulteriormente la cooperazione fra la Cassa depositi e prestiti e le Istituzioni europee, finalizzata a garantire liquidità a condizioni competitive al sistema produttivo nazionale. Sono numerosi infatti gli strumenti che CDP offre a supporto delle Pmi, con circa 30 miliardi erogati dal 2009 e un ampio ventaglio di soluzioni differenziate in base alla finalità di scopo, coerentemente con il proprio ruolo di Istituto Nazionale di Promozione.

La CEB è una “banca multilaterale di sviluppo” creata nel 1956 dagli Stati Membri del Consiglio d'Europa, a supporto di una crescita sostenibile ed equa, che contribuisce alla realizzazione di progetti di investimento sociale attraverso, tra l’altro, il rafforzamento dell'integrazione sociale, la gestione ambientale, il sostegno alle infrastrutture pubbliche a vocazione sociale e il supporto alle micro, piccole e medie imprese. 

La nostra Newsletter

Registrati per essere sempre aggiornato sulle iniziative e i progetti del Gruppo CDP

Iscriviti