Saipem: nuovi impianti per i giacimenti offshore in Arabia Saudita

La partecipata da CDP Equity rinnova l’accordo con il leader dell’Oil&Gas Saudi Aramco fino al 2021. E per l’ottavo anno consecutivo rientra nell’Indice azionario di Sostenibilità FTSE4Good

Roma, 10 agosto 2017

Saipem, la società partecipata da CDP Equity (Gruppo CDP), raggiunge un nuovo traguardo in Arabia Saudita, dove si è aggiudicata un contratto di fornitura per Saudi Aramco, tra le maggiori compagnie petrolifere del Medio Oriente. L’accordo rientra nell'ambito del Long Term Agreement, rinnovato nel 2015 fino al 2021. Nello specifico, Saipem si occuperà della progettazione, approvvigionamento, costruzione e l'installazione di 19 jacket (i pilastri delle piattaforme di estrazione offshore) per lo sviluppo dei campi Marjan, Zuluf, Berri, Hasbah e Safaniya, tra i più importanti giacimenti nella Regione del Golfo Arabico.

Con questa assegnazione, Saipem rafforza ulteriormente la sua presenza in un'area altamente strategica quale il Medio Oriente, dimostrando la solidità del suo business e la qualità dei suoi prodotti e servizi, realizzati con una particolare attenzione all’impatto ambientale. Ed è proprio grazie all’eccezionale performance in ambito ESG (Environmental, Social e Governance) che la società è stata inclusa, per l’ottavo anno consecutivo, nell’Indice azionario di Sostenibilità FTSE4Good. Tale riconoscimento è frutto dell’impegno di Saipem nel perseguire una costante innovazione tecnologica, la promozione dei diritti umani e del lavoro nei paesi in cui opera e una gestione responsabile della catena di fornitura attenta all’ambiente, alla salute e alla sicurezza. Un impegno sottolineato anche dall’accettazione di Saipem all’iniziativa Global Compact delle Nazioni Unite avvenuta lo scorso anno. Noi del Gruppo CDP #promuoviamoilfuturo

La nostra Newsletter

Registrati per essere sempre aggiornato sulle iniziative e i progetti del Gruppo CDP

Iscriviti