Sace studia la meccanica strumentale

Studio per individuare i punti di forza e le linee di sviluppo di un settore strategico per il Paese.

Roma, 26 luglio 2016

Uno studio dedicato al settore  della meccanica strumentale, che vale globalmente 1.600 miliardi di euro.

Questo è “Obiettivo 100 miliardi: welcome to the machine”, la ricerca pubblicata da Sace (controllata del Gruppo CDP) basata su un’indagine condotta tra oltre 200 imprese di un comparto virtuoso per l’export italiano.

A livello internazionale, infatti, l’Italia si posiziona al quinto posto tra i principali esportatori, dopo Cina, Germania, USA e Giappone, con un valore di circa 82 miliardi di euro. In particolare, il mercato italiano occupa i primissimi posti in alcuni ambiti  di eccellenza, tra cui le macchine per il packaging (2° posto), le macchine utensili (3° posto), le macchine  per la lavorazione di plastica e gomma (3° posto) e i macchinari tessili (4° posto) .

Molti sono i punti emersi dallo studio. Tra i principali, la crescita che potrebbe derivare dall'impiego di capitale non bancario e la distinzione dei ruoli del mercato internazionale e quello nazionale. Per il settore in questione, infatti, il primo rappresenta un terreno di gioco in termini di competizione mentre il secondo resta lo scenario principale per la catena di fornitura.

La nostra Newsletter

Registrati per essere sempre aggiornato sulle iniziative e i progetti del Gruppo CDP

Iscriviti