Ristrutturazione scuola media "Giovanni XXIII" - Comune di Isola Rizza

Isola Rizza e le sue splendide ville immerse nel Veronese

Non lontana da Verona, in una piana attraversata dai fiumi Bussè e Piganzo di Vallese, sorge Isola Rizza. Un’isola in pianura, il cui nome originario era Porcaritia. "Insula" perché l'abitato sorgeva appunto in una spianata al di fuori dei boschi e delle paludi che circondavano la zona e “Porcaritia" perché vi si trovavano moltissimi allevamenti di maiali. Nel corso dei secoli, il nome venne limato prima in "Porcarizza" e quindi in Isola Rizza.

Passeggiando per il borgo non è difficile individuare villa Polentini. Attualmente sede del municipio, l’edificio è una vera chicca della Bassa veronese. La struttura, costruita nel Quattrocento, apparteneva a un’importante famiglia nobiliare della zona e si presenta con una facciata elegante che fa da cornice a un grande balcone nobile e una lunga merlatura in cima. Al suo interno la villa custodisce pregevoli stanze affrescate con disegni floreali risalenti al Cinquecento. Notevole anche la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo. La parrocchiale venne costruita nel 1789 su progetto di Giuseppe Tramontini e nel 1868 fu realizzato l’imponente pronao che precede la facciata, caratterizzato da dodici colonne, di cui otto frontali e quattro laterali. L'interno dell'edificio, che è scandito da lesene di ordine ionico è a navata unica con volta a botte sulla quale si aprono quattro cappelle laterali in cui sono ospitati gli altari di San Gaetano, di sant'Antonio, di Santa Maria Assunta e della Beata Vergine Addolorata. La chiesa conserva al suo interno una pala raffigurante la Madonna coi santi Pietro e Paolo, eseguita nel 1708 e alcuni dipinti realizzati dall’artista Casimiro Salvelli.

Ma forse l’opera architettonica più caratteristica di Isola Rizza è la tenuta di Villa Mandella. Il complesso, originario del XVI secolo, è costituito dall'edificio padronale a pianta quadrata, affiancato da due grandi barchesse rettangolari a porticati, disposti simmetricamente a esso, in posizione arretrata. Un parco con folta vegetazione circonda l’edificio principale e lo collega alla limonaia. La villa, che ha avuto tra i suoi ospiti Gabriele D’Annunzio e Maria Callas è racchiusa infine in un muro di cinta che, in corrispondenza dell'entrata, si innalza in due pilastri bugnati sormontati da statue affiancate da solide edicole.

Consci dell’importanza dei piccoli borghi, cuori pulsanti immersi nel territorio italiano, noi di Cassa Depositi e Prestiti siamo particolarmente orgogliosi di aver contribuito allo sviluppo dei servizi di Isola Rizza, attraverso la realizzazione del poliambulatorio, la ristrutturazione della scuola media Giovanni XXIII e dell’impianto sportivo comunale. Interventi in linea con la nostra missione che ci vede al fianco degli Enti locali da oltre 170 anni.