Ristrutturazione parcheggio - Comune di Prossedi

Prossedi, il doppio borgo medievale affacciato sulla valle dell'Amaseno

In cima a una ripida collina tra i Monti Lepini, a metà strada fra Priverno e Frosinone, sorge Prossedi. Il comune della provincia di Latina, con i suoi 1.238 abitanti, è costituito dal borgo capoluogo che si affaccia sulla valle dell’Amaseno e dalla frazione di Pisterzo, distante circa 12 km.

Uno degli elementi caratteristici del borgo prossedano è la Porta Maggiore di accesso al centro storico, sulla cui sommità si erge il grande orologio pubblico. La porta si affaccia sul lato sud-est del paese in corrispondenza di Piazza Umberto I dominata dalla mole grandiosa di Palazzo Gabrielli del Gallo. L’attuale fabbricato del palazzo baronale è stato innalzato su quello di modeste dimensioni appartenuto alla famiglia Massimo e precedentemente ai Conti di Ceccano. Una volta acquistato dai Gabrielli, questi lo ampliarono conferendogli dignità principesca secondo lo stile barocco - rococò in voga nel XVIII secolo. Dalla Porta maggiore si accede al borgo attraverso piazza del Plebiscito, che accoglie il visitatore con l'imponente mole del Palazzo delle Carceri (o Palazzo del Bargello), costruito nel 1807 per volere del principe Pietro Gabrielli, secondo lo schema tipico dei palazzi settecenteschi romani.

A pochi passi dal Palazzo delle Carceri, sull’altura più elevata di Prossedi, si erge la Chiesa di Sant'Agata che domina dall’alto l’intero nucleo abitativo. La chiesa sorge nell’originario nucleo del paese e ripete nello schema a pianta centrale le esperienze rinascimentali e barocche.

Percorrendo le caratteristiche stradine del borgo si resta colpiti dalla presenza di numerosi portali monumentali, realizzati tra il Settecento e l’Ottocento, calati in un contesto sospeso tra atmosfere medievali e rinascimentali.

In prossimità della prima cinta muraria dell'antico borgo si trova la duecentesca Chiesa di San Nicola, in stile romanico, il più antico edificio di culto presente sul territorio comunale.

Lungo la Via Principessa Augusta si trova, invece, la graziosa chiesetta di Santa Maria extra moenia, meglio conosciuta come “Chiesa della Strammetta”. Costruita nei primi anni del XIX secolo è realizzata in posizione sopraelevata rispetto al piano stradale e per accedervi occorre salire una piccola ma scenografica scala a due rampe contrapposte, fornite di una elegante balaustra in mattoncini di laterizio.

In un sito poco distante dall’ingresso del paese, invece, lungo la vecchia strada Marittima, si trova la monumentale Fontana dei Papi, edificata nel 1727 dal marchese Livio De Carolis.

A 12 km da Prossedi sorge la piccola frazione di Pisterzo. Abitato da una ottantina di persone, il borgo è il classico esempio di cittadella medioevale che sorge arroccata a 466 metri sul livello del mare in posizione dominante sulla valle dell'Amaseno e tra le caratteristiche viuzze regala suggestivi scorci nei quali si collocano i medievali Palazzo Gabrielli e Palazzo del Capitano.

Con un'economia basata principalmente sulla coltivazione degli ortaggi, dell'ulivo e della vite e sulla pastorizia, Prossedi è un borgo che fa parte della comunità montana dei Monti Lepini, oggetto negli ultimi anni di riscoperta, soprattutto per il turismo di prossimità.

Consci di quanto sia importante per il centro della provincia pontina assecondare questa nascente vocazione turistica, noi di Cassa Depositi e Prestiti siamo orgogliosi di aver contribuito alla ristrutturazione di un grande parcheggio situato nelle immediate vicinanze dell'ingresso al centro storico. Un intervento che accresce l'accessibilità e la fruibilità del borgo in chiave turistica e migliora la vita dei cittadini di Prossedi, in linea con la missione che da 170 anni ci vede impegnati al fianco degli Enti locali per tutelare e valorizzare i territori, promuovendone lo sviluppo sociale, culturale ed economico.