Ristrutturazione edificio comunale - Comune di Arzergrande

Ad Arzergrande torna a risplendere il Casone Azzurro di Vallonga

All'estremità orientale della pianura Padana, non lontano da Padova, sorge Arzergrande: un piccolo comune di circa cinquemila abitanti.

Eneti, antichi Romani, Visigoti, Vandali e Unni, si sono alternati nel corso dei secoli in questa pianura, plasmandone il territorio e decidendone i destini. Ma la storia di Arzergrande è legata soprattutto alle antiche tradizioni campestri: fattori aggreganti di un’identità rurale e orgogliosa che si riuniva nei casoni. Il casone è un edificio a pianta rettangolare, con tetto a spioventi ricoperto di paglia, pareti in muratura o rami, un tempo diffusissimo soprattutto nella campagna padovana e nell'area lagunare da Grado a Comacchio. Veniva utilizzato come abitazione o come ricovero per attrezzi agricoli o come spazio adibito alla fabbricazione del formaggio.

Nel 1933 Arzergrande contava 120 casoni abitati e, dopo la legge per l’abbattimento dei luoghi malsani, ne esistevano ancora 29. Fino al 2004 poi, il borgo aveva ben due casoni abitati e uno fu preso in affidamento dal Comune: il Casone Azzurro di Vallonga. Il tetto caratteristico è formato da canne palustri unite tutte assieme e poggiante su delle travi. Le pareti interne sono formate da graticci e pali poi ricoperti di argilla. La calce è l'elemento principale utilizzato e forma sulle pareti una crosta esterna ruvida, particolare e caratteristica di ogni casone veneto. Il sottotetto veniva utilizzato come pagliaio e attraverso una botola comunicava con la stalla sottostante. Entrare nell’edificio, che è tuttora aperto al pubblico, catapulta il visitatore in un viaggio indietro nel tempo e nelle tradizioni di questa parte della pianura Padana.

Ecco perché noi di Cassa Depositi e Prestiti siamo particolarmente orgogliosi di aver supportato il Comune di Arzergrande restaurando il Casone Azzurro di Vallonga. Un impegno nei confronti del borgo che abbiamo declinato finanziando anche la ristrutturazione del Municipio, del centro sociale polifunzionale, dei due cimiteri cittadini e la realizzazione della palestra comunale. Un lavoro in linea con la nostra missione che ci vede al fianco degli Enti locali da oltre 170 anni.