Realizzazione passeggiata pedonale - Comune di Bagni di Lucca

Bagni di Lucca, torna a nuova vita il Casinò più antico d’Europa

A una manciata di chilometri da Lucca e nell’omonima piana, sorge il Comune di Bagni di Lucca. Il sua storia è legata alle acque termali che scorrono generose in queste terre, e che la resero meta d’élite del turismo europeo ottocentesco, prima che la moda delle vacanze in spiaggia prendesse piede. Byron, Shelley, Carducci, Pascoli, Montale, Dumas, Strauss, Listz, Paganini, la regina Margherita, Galeazzo Ciano, ma anche papi del calibro di Sisto IV e V, sono solo alcuni degli illustri ospiti che tanto hanno apprezzato le proprietà termali del borgo nel corso dei secoli.

Il successo come località termale ha portato Bagni di Lucca a essere la prima cittadina italiana a ospitare una chiesa Anglicana per via dell’elevato numero di turisti britannici che nel corso dell’Ottocento si affollavano nei suoi stabilimenti. Nel 1839 Carlo Ludovico di Borbone, duca di Lucca, accordò quindi il permesso di costruire il "Palazzo della Nazione inglese", appellativo con il quale si preferiva denominare l'edificio in stile neogotico, anche per non suscitare scandalo nel clero cattolico.

La costruzione più iconica del borgo rimane senza dubbio il Ponte delle Catene che venne edificato dal 1844 al 1860, sempre su commissione di Carlo Ludovico di Borbone: un'opera imponente, che vanta due grandi archi di trionfo alle sue estremità.

Tra i primati di Bagni di Lucca vi è anche quello di aver ospitato la più antica casa da gioco pubblica d’Europa. Voluta nel 1308 dalla contessa Matilde di Canossa che pensò di trasformare le terme locali nella nuova sede del gioco d’azzardo cittadino, fino a quel momento praticato in forma clandestina in osterie e taverne. Il tutto con il fine di regolamentare e tassare quest’attività per generare introiti per garantire un pasto e un bagno curativo alle centinaia di pellegrini e bisognosi che affollavano le strade dell’antica Repubblica. A testimonianza di questo antico primato, merita una visita lo splendido complesso liberty del Real Casinò, inaugurato a Ponte a Serraglio nel 1839 e vera e propria chicca della città.

Consapevoli del grande valore storico che l'edificio riveste, noi di Cassa Depositi e Prestiti siamo orgogliosi di aver contribuito a restaurare il Casinò municipale di Bagni di Lucca e di aver contemporaneamente semplificato la vita di tutti i giorni in città, attraverso la realizzazione del parcheggio comunale e della nuova passeggiata pedonale del borgo. Un impegno in linea con la nostra vocazione che ci vede da oltre 170 anni al fianco degli Enti locali.