Plafond confidi

Favoriamo l’accesso a nuovi finanziamenti a sostegno degli investimenti, delle spese per immobilizzazioni e/o immateriali e delle esigenze di capitale circolante delle piccole e medie imprese (PMI), attraverso i Confidi partner.

Questo prodotto è interessato dalle misure straordinarie che il Gruppo CDP mette a disposizione delle imprese a seguito dell’emergenza Covid-19.
 

Nell’attuale contesto di rallentamento del ciclo economico connesso all’emergenza Covid-19, il supporto finanziario al sistema dei Confidi vigilati rappresenta una modalità concreta per favorire l’accesso al credito per le piccole e medie imprese.

Imprese famiglia - innovazione crescita

A chi è rivolto

Imprese operanti in Italia con meno di 249 dipendenti (equivalenti a tempo pieno), che rispettino i requisiti per beneficiare della garanzia del Fondo di Garanzia per le PMI.


Come funziona

Il Plafond Confidi è destinato al finanziamento di investimenti, da realizzare o in corso di realizzazione, e ad esigenze di incremento del capitale circolante delle PMI.

Il Plafond ammonta a 500 milioni di euro.

Possono avvalersi del Plafond le imprese operanti in Italia con un organico inferiore alle 249 unità, equivalenti a tempo pieno, secondo la definizione di Beneficiario indicata nella Convenzione, e che rispettino i requisiti per beneficiare della garanzia del Fondo.

Sono ammesse al finanziamento anche le PMI non autonome a condizione che il numero dei dipendenti delle imprese associate e/o collegate risulti inferiore alle 249 unità.

I finanziamenti possono essere concessi dai Confidi tramite il Plafond, previa acquisizione della garanzia del Fondo per una quota non inferiore all’80% di ogni singolo prestito.

Ciascun finanziamento alle PMI potrà essere concesso per un importo massimo cumulato non eccedente 250.000 euro.

Sono ammesse le operazioni di ristrutturazione di debiti pregressi nei limiti previsti dalle disposizioni operative del Fondo di Garanzia, incluse le operazioni di rinegoziazione/rifinanziamento purchè il nuovo finanziamento preveda l’erogazione di credito aggiuntivo rispetto all’importo del debito oggetto di rinegoziazione, nella misura minima del 25% (prevista dall’Art. 13 comma 1 lettera e) del D.L. 23/2020, come modificato in fase di conversione).
 

Come richiederlo

Presso uno dei Confidi aderenti (vedi elenco riportato nella sezione dei “Documenti correlati”).
 

Desideri maggiori informazioni?

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Prodotto offerto da CDP