Comunicato stampa

L’Assemblea straordinaria approva le modifiche statutarie

Roma, 12 settembre 2012

Cassa depositi e prestiti Spa (CDP) informa che in data odierna si è riunita l’Assemblea straordinaria degli azionisti.

L’Assemblea ha approvato alcune modifiche statutarie, volte ad adeguare lo Statuto di CDP al DPCM del 25 maggio 2012 che, nel definire le modalità di cessione della partecipazione di Eni Spa in Snam Spa e nell’individuare CDP quale soggetto idoneo a garantire un nucleo stabile nell’azionariato di Snam, ha dettato nuovi criteri di governance atti ad assicurare l’indipendenza tra il proprietario delle attività di produzione e fornitura di gas naturale e il proprietario e gestore delle attività di trasporto dello stesso. Tali criteri riguardano anche la gestione di Terna Spa, applicandosi - in generale - alla gestione delle partecipazioni detenute da CDP in società controllate che gestiscono infrastrutture di rete di interesse nazionale nel settore dell’energia.

Le modifiche statutarie approvate riguardano, in particolare, i seguenti aspetti:

  • poteri di indirizzo sulla gestione separata di CDP spettanti al MEF (art. 5, comma 9 e 11, del Dl n. 269/2003): non possono essere esercitati con riguardo alla gestione delle partecipazioni detenute da CDP in società controllate che gestiscono infrastrutture di rete di interesse nazionale nel settore dell’energia e nelle loro società controllanti;
  • gestione di tali partecipazioni: non possono influire i membri che integrano il Cda per l’amministrazione della gestione separata di CDP;
  • cariche societarie: per garantire l’indipendenza tra Eni e Snam, gli amministratori, i sindaci, il Direttore generale e il Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari di CDP non possano rivestire alcuna carica nell’organo amministrativo o di controllo né funzioni dirigenziali in Eni e sue controllate, né intrattenere alcun rapporto, di natura professionale o patrimoniale, con tali società.
Documenti correlati