Investimento social housing via della Pieve - Comune di Scandicci

Scandicci, l'housing sociale all'ombra del Castello dell'Acciaiolo

A pochi chilometri dal centro storico di Firenze, circondata da parchi, boschi e da verdi colline, sorge Scandicci. Il territorio comunale si estende dalle sponde dell’Arno, a nord, fino alla valle del fiume Pesa, a sud ovest, ed è un piccolo scrigno di arte, cultura e natura.

Nella città che ospita un Museo di Paleontologia e mineralogia e il polmone verde del Parco di Poggio Valicaia, l’elemento più notevole è certamente il Castello dell’Acciaiolo, un fortilizio merlato delimitato da un bel giardino, sede di eventi e concerti soprattutto nel periodo estivo. Costruito all’inizio del Trecento dai Rucellai, il castello prese il nome dalla famiglia fiorentina degli Acciaioli che ne divenne in seguito proprietaria. Sempre nel centro storico sono da segnalarsi le chiese di Santa Maria a Greve e San Bartolo in Tuto, che raccolgono preziose testimonianze artistiche, come la tavola trecentesca della Madonna col Bambino di Giovanni da Milano.

Ogni frazione o villaggio di Scandicci riserva angoli suggestivi e meraviglie da ammirare. In prossimità delle Bagnese sorge la chiesa di San Giusto a Signano, dalla facciata seicentesca, con doppio arco ribassato. All’interno l'edificio custodisce una Madonna con Bambino e Angeli del XIV, attribuita a Bernardo Daddi. In posizione più elevata, si trova invece il delizioso borgo di Mosciano, il cui fulcro è la chiesa di Sant’Andrea, affrescata con dipinti del XIII secolo, attribuiti a Corso di Buono, e la tavola duecentesca con la Madonna e il Bambino, del pittore pistoiese Manfredino d’Alberto. A Viottolone, preceduta da un lungo viale alberato, si innalza sulle pendici della collina la Villa di Castelpulci, magnifica residenza campestre della famiglia Riccardi, che mantiene ancora il suo aspetto scenografico settecentesco.

A Settimo, invece, è possibile ammirare l’antica Pieve romanica di San Giuliano al cui interno si trova la venerata Madonna dei Fiori, opera in terracotta dipinta nella bottega di Donatello, e la Badia di San Salvatore e San Lorenzo: la chiesa d’impianto romanico e il relativo museo, sono impreziositi da numerose opere d’arte, a partire dalla Cappella di San Jacopo, affrescata nel 1315 da Buffalmacco, e in cui si possono ammirare anche alcuni affreschi di Domenico Ghirlandaio.

Scandicci non è soltanto cultura, storia e bellezze artistiche, ma è anche un importante centro produttivo, tra i più popolati dell'area fiorentina con i suoi oltre 50.000 abitanti, che ha avviato un processo di riqualificazione e completamento urbanistico attraverso strumenti come il social housing. In questo contesto noi di Cassa Depositi e Prestiti siamo orgogliosi di aver contribuito alla realizzazione dei 40 appartamenti del complesso La Pieve degli Orti, promuovendo un'urbanistica funzionale e integrata all'insegna della sostenibilità e del risparmio energetico, che aiuti il Comune a valorizzare il territorio, in linea con quanto facciamo da 170 anni.