Eni, Enel e Terna insieme per le rinnovabili

Un accordo che vale 9 miliardi di euro renderà più efficiente (e verde) l'Italia

23 giugno 2016

L’Italia deve cambiare marcia sulle rinnovabili. E per farlo seriamente può contare sulla collaborazione di tre colossi nazionali:Eni, Enel e Terna hanno firmato un accordo per la sinergia delle proprie attività.

Un accordo che vale, secondo le stime del governo, 9 miliardi di euro. "La nuova sfida di Eni in Italia" ha detto l’ad Claudio Descalzi, è la trasformazione "di 4mila ettari bonificati e già predisposti per portare fotovoltaico. Si partira' con due siti in Sicilia, due in Sardegna e uno a Manfredonia, tutti dedicati al fotovoltaico. E si creeranno posti di lavoro". Con un impatto ambientale positivo: 180 mila tonnellate di CO2 risparmiate all’anno. Gli investimenti globali, ha ricordato Descalzi, andranno da 700 milioni ad un miliardo di euro, per una produzione verde complessiva che nel 2020 raggiungerà i 220 Mwp.

Ma anche la rete di distribuzione deve aggiornarsi: per questo Terna investirà 4 miliardi in tecnologie green compatibili nei prossimi quattro anni.

La nostra Newsletter

Registrati per essere sempre aggiornato sulle iniziative e i progetti del Gruppo CDP

Iscriviti