Con Sace e Simest finanziamenti più convenienti per le imprese italiane

Il polo per l’ internazionalizzazione del Gruppo CDP potenzia i 5 strumenti di  operatività messi a disposizione delle aziende che vogliono espandersi oltre i confini dell’Unione europea

Roma, 25 ottobre 2016

Grazie decreto del Ministero per lo sviluppo economico (Dm 7/9/2016), Simest può garantire finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese italiane intenzionate ad esplorare le opportunità di crescita nei mercati extra Ue in collaborazione con Sace. Una misura che permette al Gruppo CDP di sostenere e promuovere in modo più efficace e vantaggioso l’internazionalizzazione delle imprese italiane oltre i confini dell’Unione Europea.

I benefici introdotti dal nuovo decreto sono molti: dal tasso di interesse a carico dell’impresa, che passa dal 15 al 10% del tasso di riferimento comunitario, alle tipologie di spese finanziabili, dagli importi più grandi alla durata più estesa del finanziamento. Tali benefit variano in relazione agli strumenti richiesti, nello specifico:

  • Per gli studi di fattibilità, finalizzati a supportare l’impresa nella valutazione delle opportunità di investire all'estero, l’importo massimo finanziabile passa da 100mila a 150 mila euro per studi collegati a investimenti commerciali, e da 200 a 300mila euro per quelli legati a investimenti produttivi. La durata del finanziamento, inoltre, sale da 3 a 4,5 anni, di cui 18 mesi di preammortamento.
  • In relazione ai programmi di  inserimento sui Mercati Extra Ue, la copertura delle spese effettuate per la realizzazione di un ufficio, show room, negozio o corner e delle relative attività promozionali, passa dall’85% al 100%, con un tetto massimo di 2,5 milioni di euro.
  • Il nuovo decreto permette inoltre il finanziamento alle aziende per la partecipazione a fiere e mostre. In questo caso, la copertura è pari  al 100% delle spese preventivate, con un importo massimo finanziabile pari a 100mila euro. La durata del finanziamento è di  3,5 anni di cui 18 mesi di preammortamento.
  • Per il programma “Patrimonializzazione delle PMI Esportatrici”, finalizzato a sostenere la competitività internazionale delle piccole e medie imprese, l’importo massimo finanziabile sale a 400mila euro (dai precedenti 300mila) e, grazie ad una serie di benefici, il finanziamento è più accessibile per le imprese italiane.
  • Infine, la durata del finanziamento delle spese di formazione del personale in Paesi extra UE (Programmi di Assistenza Tecnica)  sale a 4,5 anni, di cui 18 mesi di preammortamento.

Dunque, tassi agevolati e finanziamenti più cospicui e accessibili per le piccole e medie imprese italiane. A ciò si aggiunge, inoltre, il lancio del nuovo “Portale dei Finanziamenti” che rende più breve e semplice la procedura di richiesta ed erogazione. Una modalità che punta ad accelerare e snellire l’istruttoria e a ridurre la documentazione richiesta, in un’ottica di “paperless” e sostenibilità ambientale.

La nostra Newsletter

Registrati per essere sempre aggiornato sulle iniziative e i progetti del Gruppo CDP

Iscriviti