Comunicato stampa

Cedute da CDP sul mercato n. 61.744.750 azioni ENI per un controvalore di €1,096 mld

Roma, 13 Settembre 2012

Cassa depositi e prestiti Spa (CDP) comunica di aver ceduto sul mercato azionario regolamentato italiano, tra il 7 agosto 2012 e il 13 settembre 2012, 61.744.750 azioni ENI Spa (ENI), pari all’1,7% del capitale della società, per un controvalore di 1,096 miliardi di euro. La partecipazione di CDP in ENI si è, pertanto, ridotta a n. 994.434.728 azioni, corrispondenti al 27,36% del capitale sociale di ENI.

L’ operazione è stata eseguita ad un prezzo medio di € 17,76 per azione, con un premio di circa 3 centesimi di euro per azione rispetto alla quotazione media di mercato del periodo, ponderata per i volumi scambiati ed a fronte di commissioni di intermediazione di 1,5 basis point sul controvalore delle transazioni eseguite.

I volumi giornalieri ceduti da CDP non hanno mai superato il 30,5% dei volumi complessivi scambiati sul mercato.

Intermediario dell’operazione di vendita è stato JP Morgan Securities Plc. L’ operazione di cessione fornisce a CDP una parte della copertura finanziaria per l’acquisizione da ENI del 30% meno 1 azione del capitale di SNAM Spa. Come già annunciato lo scorso 30 maggio, CDP intende finanziare tale acquisizione in parte attraverso la vendita delle azioni ENI dalla stessa possedute che, unitamente a quelle possedute dal Ministero dell’economia e delle finanze, eccedono il 30% più un’azione del capitale sociale dell’emittente. Il numero totale delle suddette azioni ENI oggetto di cessione da parte di CDP, incluse le azioni già vendute come sopra descritto, rappresenta, quindi, circa il 3,3% del capitale sociale di ENI. CDP cederà la quota rimanente dell’1,6% di ENI (58.255.250 azioni) nei tempi e con le modalità che riterrà più convenienti.

 

Il presente comunicato stampa non può essere pubblicato, distribuito o trasmesso direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti, in Canada, Australia o Giappone. Il presente documento non costituisce un’offerta degli strumenti finanziari negli Stati Uniti, in Canada, Australia o Giappone. Tali strumenti finanziari non sono stati e non verranno registrati ai sensi del U.S. Securities Act del 1933, come successivamente modificato (il "Securities Act") e non possono essere offerti né venduti negli Stati Uniti, né a o per il beneficio di U.S. persons (come definite nel Securities Act), salvo ai sensi di esenzioni applicabili dagli obblighi di registrazione ai sensi del Securities Act. La distribuzione di questo comunicato potrebbe essere vietata o limitata ai sensi delle leggi e dei regolamenti applicabili in alcuni paesi. Non sarà promossa alcuna offerta al pubblico degli strumenti finanziari cui viene fatto riferimento negli Stati Uniti d'America. 

 

Documenti correlati