CDP supporta SNAM nella mobilità sostenibile

1,9 milioni di euro dal programma Connecting Europe Facility

Accrescere la disponibilità di biometano per i trasporti in Italia in un’ottica incentrata sullo sviluppo dell’economia circolare e della mobilità sostenibile. È questa l’idea dietro al progetto Bio-LNG 4 Italy di SNAM che ha ricevuto un contributo a fondo perduto da 1,9 milioni di euro dall'Unione Europea nell’ambito del Programma di finanziamento Connecting Europe Facility (CEF).

Il CEF è un programma della Commissione Europea che persegue l’obiettivo di sostenere economicamente specifici progetti nel settore dei trasporti in Europa promossi da investitori privati e supportati anche da istituzioni finanziarie (come il Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici e la BEI), attraverso una dotazione finanziaria pari a 198 milioni di euro.

Si tratta del primo contributo CEF erogato a un progetto italiano con Cassa Depositi e Prestiti come Implementing Partner dell’iniziativa.

Il progetto prevede lo sviluppo di otto stazioni di rifornimento di gas naturale liquefatto (GNL) e biometano liquido (Bio-GNL) nella penisola (sei nel Centro – Sud Italia e due nel Nord), la costruzione di un impianto per la liquefazione del gas e del biometano da gasdotto, e, infine, la realizzazione di baie di carico per il rifornimento di autocisterne GNL al terminale di Panigaglia.

Si tratta di un'operazione coerente con la strategia di sviluppo sostenibile approvata nel Piano Industriale 2019-2021 di CDP, che si pone come obiettivi prioritari, tra gli altri il rafforzamento e ammodernamento della rete infrastrutturale e il supporto alla transizione energetica e alla lotta al cambiamento climatico.

La nostra Newsletter

Registrati per essere sempre aggiornato sulle iniziative e i progetti del Gruppo CDP

Iscriviti