CDP rafforza il presidio al Sud Italia con l’ufficio territoriale di Napoli

Comunicato stampa

CDP rafforza il presidio al Sud Italia con l’ufficio territoriale di Napoli

Sette uffici territoriali di Gruppo aperti in 15 mesi, in linea con l’obiettivo strategico di avvicinare CDP al territorio

Napoli, 15 novembre 2017 

Il Gruppo Cassa depositi e prestiti rafforza il proprio presidio nelle regioni del Mezzogiorno, con una nuova sede territoriale a Napoli.

A partire da giovedi 16 novembre sarà operativa la nuova struttura nel capoluogo campano, il secondo ufficio territoriale nel Sud Italia e settimo in ordine di tempo a livello nazionale, nuovo punto di riferimento per Enti locali, imprese, banche e altri stakeholder per i finanziamenti ed il supporto all’economia della regione, in linea con il ruolo di Istituto Nazionale di Promozione di CDP.

L’iniziativa risponde all’obiettivo strategico di avvicinare CDP al territorio, attraverso una presenza capillare di uffici sul territorio realizzata in soli 15 mesi.

L’ufficio territoriale di Napoli, in Piazza dei Martiri 58, agisce da unico punto di contatto con gli esperti di CDP e delle società del Gruppo, SACE e SIMEST, per approfondimenti su temi quali l’accesso al credito, i prodotti assicurativi e finanziari, la gestione online dei finanziamenti e le nuove iniziative del Gruppo sul territorio.

Antonella Baldino, Chief Business Officer di Cassa depositi e prestiti, ha dichiarato: “La scelta di aprire una nuova sede territoriale a Napoli dimostra l'impegno del Gruppo CDP per il Mezzogiorno e per la Campania. Essere più presenti al Sud è per noi essenziale per contribuire in modo ancor più incisivo allo sviluppo del Paese. Siamo sicuri che questo presidio favorirà maggiori occasioni di dialogo ed incrementerà la nostra capacità di rispondere alle esigenze di finanza locale e di progetti di investimento, generando un impatto positivo sulla crescita della Regione”.

Il Gruppo CDP ha due sedi centrali a Roma e Milano, con uffici territoriali a Bologna, Firenze, Napoli, Palermo, Torino e Venezia.

Documenti correlati