Comunicato stampa

CDP: l’assemblea approva l’aumento di capitale per un ammontare di 2.930.257.785 euro da liberarsi mediante il conferimento da parte del MEF di una partecipazione del 35% del capitale di Poste Italiane S.p.A Modifica dell’art. 30 dello Statuto. Dimissioni di Giuseppe Sala

Roma, 24 giugno 2016

L’assemblea straordinaria di Cassa depositi e prestiti S.p.A. (CDP) ha approvato oggi un aumento del capitale sociale riservato al Ministero dell’economia e delle finanze (MEF), per un ammontare, comprensivo di sovrapprezzo, di 2.930.257.785 euro. L’aumento di capitale sarà liberato mediante il conferimento in CDP da parte del MEF di una partecipazione del 35% del capitale sociale di Poste Italiane S.p.A. (Poste).

Con l’operazione, il capitale di CDP passerà dagli attuali 3.500.000.000 di euro a 4.051.143.264 euro - con una variazione di 551.143.264 euro - mediante emissione di 45.980.912 azioni ordinarie in favore del MEF. Le azioni saranno sottoscritte dal MEF a fronte del conferimento di 457.138.500 azioni ordinarie di Poste rappresentative del 35% del capitale sociale. All’importo dell’aumento di capitale si aggiungono 2.379.114.521 euro a titolo di sovrapprezzo.

Per effetto dell’operazione, la partecipazione del MEF in CDP passerà dall’80,1% all’82,8% del capitale sociale.

L’operazione è disciplinata e regolata dal Decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 25 maggio 2016 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 143 del 21 giugno 2016), adottato ai sensi dell’articolo 5, comma 3, lett. b), del decreto legge n. 269/2003. La partecipazione in Poste sarà assegnata alla gestione separata di CDP, mentre l’attività di indirizzo e gestione di tale partecipazione continuerà a essere esercitata dal MEF.

L’aumento di capitale e il conferimento di Poste saranno eseguiti entro il 31 dicembre 2016, al termine dell’iter autorizzativo necessario per il trasferimento della partecipazione.

L’assemblea ha inoltre approvato, sulla base di una proposta presentata direttamente dagli azionisti in assemblea, una modifica dell’art. 30 dello Statuto di CDP, riguardante la riduzione dal 60% al 50% della percentuale degli utili netti annuali distribuibili ai soci a titolo di dividendo.

Si comunica infine che Giuseppe Sala si è dimesso dalla carica di consigliere per sopraggiunti impegni professionali conseguenti all’elezione a Sindaco di Milano.

Documenti correlati