Cda del 28 marzo 2012: via libera per 5mila Enti locali alla gestione di residui per € 1,5 mld sui mutui CDP

Comunicato stampa

Cda del 28 marzo 2012: via libera per 5mila Enti locali alla gestione di residui per € 1,5 mld sui mutui CDP

Roma, 28 marzo 2012

Cassa depositi e prestiti (CDP) comunica che il Consiglio di amministrazione, riunitosi oggi sotto la presidenza di Franco Bassanini, ha dato il via libera a una serie di interventi che consentiranno agli Enti locali di ottimizzare l’utilizzo finanziario dei residui non erogati sui mutui concessi da CDP, recuperando risorse

L’operazione, che coinvolgerà circa 5mila tra Comuni e Province per un ammontare di risorse complessivo fino a 1,5 miliardi di euro, offrirà agli Enti più opportunità:

  1. trasformazione di prestiti "Ordinari" in mutui di tipo "Flessibile", con il beneficio del risparmio - per un periodo fino a 3 anni e mezzo - sulle rate di ammortamento dei finanziamenti;
  2. utilizzo dei residui non ancora erogati per altre opere o per ridurre l’indebitamento verso CDP;
  3. erogazione immediata da parte di CDP dei residui a saldo di importo inferiore al 5% del prestito, ovvero fino a 5mila euro.

Nei prossimi giorni CDP solleciterà Comuni e Province ad aderire all’iniziativa. Inoltre, l’operazione sarà oggetto di un road show specifico sul territorio nazionale, che - nella fase iniziale - toccherà le seguenti tappe: Reggio Calabria, Bergamo, Firenze, Mestre, Ronchi dei legionari, Salerno e Bari.

Documenti correlati