Cda del 25 gennaio 2012: risultati preliminari 2011

Comunicato stampa

Cda del 25 gennaio 2012: risultati preliminari 2011

Cassa depositi e prestiti Spa (CDP) comunica che si è riunito oggi, sotto la presidenza di Franco Bassanini, il Consiglio di Amministrazione della Società.

Il Cda ha approvato la previsione di budget per l’anno 2012 ed esaminato i risultati preliminari del 2011.

Lo scorso anno CDP ha mobilitato risorse per un ammontare complessivo di 16,5 miliardi di euro, in crescita del 41% rispetto all’esercizio precedente: si tratta del massimo livello raggiunto dalla trasformazione in Spa. Tra i settori che ne hanno beneficiato, in prima linea le reti di trasporto e i servizi pubblici locali, seguiti da Pmi ed export finance, edilizia pubblica e social housing, energia e telecomunicazioni.

Plafond Pmi

Circa 40mila Pmi hanno beneficiato del Plafond da 8 miliardi di euro lanciato a fine 2009. Nell’ultima parte del 2011, CDP ha quindi rinnovato il suo impegno in favore del supporto finanziario alle piccole e medie imprese nazionali, dotando lo strumento di ulteriori 10 miliardi di euro, di cui 2 miliardi per contribuire a far fronte al problema dei ritardi nei pagamenti dei crediti vantati dalle aziende verso le Pubbliche Amministrazioni, raggiungendo un totale complessivo di 18 miliardi di euro.

Fondo FSI

Per quanto riguarda le imprese di dimensione maggiore, nell’estate del 2011, è stato costituito il Fondo strategico Italiano (FSI) con una dotazione iniziale di capitale pari a 1 miliardo di euro. FSI, che è controllato da CDP, ha come obiettivo l’ acquisizione di partecipazioni in aziende strategiche per il Paese, finalizzata a sostenerne la crescita, l’efficienza operativa e la competitività internazionale. A novembre 2011 CDP ha deliberato l'impegno a sottoscrivere aumenti di capitale fino a 4 miliardi di euro.

Il lancio della Domanda on-line

L’attività di finanziamento degli Enti pubblici ha superato lo scorso anno i 9 miliardi di euro (+59%), anche grazie ad operazioni non ricorrenti. Il 2011 è stato l’anno della sfida tecnologica per CDP e per la sua clientela tradizionale, con il lancio della "Domanda on-line", un servizio che permette agli Enti locali di effettuare l’intero iter di richiesta di mutuo via web e che ha incontrato un elevato gradimento: dalla sua attivazione oltre il 50% delle richieste di finanziamento pervenute hanno utilizzato il nuovo strumento, con risultati fortemente positivi in termini di efficienza ed efficacia e velocità dei tempi.

Raccolta e risultato netto

La raccolta postale netta di competenza CDP è risultata positiva per circa 7 miliardi di euro, pur in rallentamento rispetto all’esercizio 2010 (quando si era attestata a +14 miliardi di euro). Nel corso del 2011, CDP ha inoltre utilizzato forme di raccolta non garantita per oltre 2 miliardi di euro.

Il 2011 dovrebbe chiudersi con un risultato netto in aumento rispetto agli 1,7 miliardi di euro del 2010, tenendo conto del nuovo assetto convenzionale che regola la raccolta postale e della plusvalenza di circa un miliardo di euro ottenuta nel 2010 dall’operazione di permuta azionaria con il MEF.

 

Documenti correlati