Comunicato stampa

Bilancio positivo per CDP a FORUM PA 2011

Roma, 12 maggio 2011

Bilancio positivo per la partecipazione della Cassa depositi e prestiti (CDP) al Forum PA 2011, conclusosi oggi presso la Fiera di Roma.

Alta l’affluenza allo stand di CDP da parte di semplici cittadini, interessati soprattutto alle tematiche relative al Risparmio postale, e dei numerosi rappresentanti di amministrazioni pubbliche locali, che hanno rivolto l’attenzione agli strumenti di finanziamento messi a disposizione da CDP per gli Enti locali. In particolare, elevato è stato l’interesse per il seminario organizzato nello spazio espositivo CDP, dedicato alle nuove procedure di finanziamento: "Domanda online" e le "Informazioni online". Grazie a queste innovazioni, Comuni e Province possono accedere ai mutui attraverso una specifica procedura informatizzata, controllando altresì le proprie posizioni di finanziamento.

Il dialogo di CDP con gli Enti locali è stato riaffermato anche all’interno del convegno "No money, No innovation? Il governo delle città tra presente e futuro", cui ha partecipato Angelo Mariano, Responsabile per i Finanziamenti agli Enti pubblici. Mariano ha illustrato alla platea le diverse opportunità offerte da Cassa per favorire l’innovazione e lo sviluppo territoriale: non solo il finanziamento tout court degli investimenti, ma anche la consulenza e il supporto alle amministrazioni locali per trovare nuove risorse e ottimizzare quelle già esistenti (per esempio, la valorizzazione del patrimonio immobiliare).

A chiudere il Forum PA 2011, nell’ambito del convegno "I risultati di oggi e le sfide di domani. Un’agenda digitale per una PA che fa di più e spende meno", il Presidente di CDP, Franco Bassanini, al tavolo dei relatori accanto al Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Renato Brunetta. Bassanini ha spiegato che i Paesi ad economia matura – che hanno ereditato dalla recente crisi una situazione pesante dei conti pubblici - debbono ora competere per attrarre dai privati e da Paesi in surplus quei capitali necessari per finanziare la crescita attraverso gli investimenti in infrastrutture e tecnologia. "Uno dei fattori cruciali per ottenere nuove risorse è una PA che dia migliori servizi a costi nettamente contenuti – ha affermato il Presidente di CDP – serve quindi una radicale reingegnerizzazione della Pubblica Amministrazione". Solo così, per Bassanini, il Paese potrà beneficiare di una riduzione di pressione fiscale e incrementare il livello di investimenti in quei settori nei quali l’intervento pubblico è insostituibile: educazione, sicurezza, ecc..

Secondo Bassanini, insomma, occorre un "salto del canguro", un forte impegno da parte della PA nell’utilizzo delle nuove tecnologie digitali, come - per esempio - il cloud computing.

 

Cassa depositi e prestiti
Fondata nel 1850, Cassa depositi e prestiti da 160 anni CDP è leader nel finanziamento degli investimenti pubblici. Nel 2010 ha effettuato il 75% dei prestiti alle amministrazioni pubbliche, erogando quasi 6 miliardi di euro di mutui.

CDP è catalizzatore dello sviluppo infrastrutturale del Paese (1,6 miliardi di euro nel 2010) e operatore chiave a sostegno delle Imprese (4,3 miliardi di euro).

Cassa depositi e prestiti gestisce il 10% del risparmio nazionale (207 miliardi di euro a fine 2010). Circa 12 milioni di Italiani si affidano infatti ai prodotti di Risparmio postale emessi da CDP e distribuiti da Poste: Buoni fruttiferi postali e Libretti di Risparmio postale.

  

Documenti correlati