Aosta, la perla delle Alpi da 31 anni in top ten per la qualità della vita

Nella piana in cui scorre la Dora Baltea, circondata dalle Alpi, Aosta domina la valle da secoli. A testimoniarne la storia sono l’incredibile quantità di reperti storici giunti fino a noi, soprattutto di età romana.

Passeggiare per Aosta è il modo migliore per scoprirne il fascino e le meraviglie come la cappella di San Rocco lungo Corso Ivrea, area un tempo occupata dalla maggiore delle necropoli di epoca romana, per raggiunge poi il poderoso ponte romano costruito sull’antico letto del torrente Buthier. Da lì è facile arrivare alla piazza dominata dall'Arco d'Augusto, costruito al fine di esaltare la definitiva sconfitta dei Salassi e celebrare la nascita di una colonia che doveva porsi come baluardo dell’Impero al di qua delle Alpi.

Proseguendo lungo via Sant'Anselmo, l’antico decumano massimo, è possibile apprezzare il quartiere sviluppatosi in epoca medievale imbattendosi nel complesso ecclesiastico di Sant’Orso con il suo imponente campanile. La costruzione del complesso abbraccia diversi secoli a partire dall’XI, inglobando strutture ed edifici nati con diversi scopi, come appunto il campanile che in origine era una torre difensiva appartenente alla cinta fortificata costruita per proteggere il borgo.

Ma Aosta è un posto magnifico non soltanto per i turisti: in 31 anni di classifiche sulla qualità della vita in Italia, la città è sempre stata saldamente tra le prime dieci.

Un primato al quale noi di Cassa Depositi e Prestiti siamo orgogliosi di aver contribuito attraverso il nostro impegno nella realizzazione dell’acquedotto, della cittadella dei giovani e della micro-comunità e centro diurno per anziani. Opere funzionali a un’urbanistica rivolta ai servizi per il cittadino, in un’ottica di sviluppo e potenziamento sociale di Aosta, in linea con la missione che portiamo avanti da 170 anni.