A Castrignano la riqualificazione del territorio riparte dalle scuole

Una terra pianeggiante coltivata ad alberi di ulivo, fichi, mandorli e vigneti.

È questo il contesto dove sorge Castrignano, borgo per eccellenza della Grecìa salentina: enclave linguistica situata nel tacco della Puglia dove ancora si parla un dialetto neo-greco.

Le viuzze irregolari in pietra leccese del centro storico riflettono generosamente la luce del sole che nel corso dei millenni ha plasmato il Salento. Qualsiasi strada si prenda a Castrignano dei Greci, è facile arrivare al castello di origine medievale. A pianta rettangolare con base scarpata, si articola su due livelli divisi esternamente da una cornice decorativa ed insieme al Parco delle Pozzelle è il simbolo più iconico della città.

Le pozzelle sono un raggruppamento di piccoli serbatoi per la raccolta dell'acqua, scavati nella roccia friabile di un parco attrezzato e a pochi passi dal centro. Presentano ancora i solchi lasciati dalle catene e dalle funi che per secoli hanno sollevato i secchi per l'acqua e gli incavi circolari dove venivano poggiate le brocche.

Noi di Cassa Depositi e Prestiti siamo orgogliosi di aver contribuito allo sviluppo sociale di un territorio antico e ricco di storia come quello del Comune di Castrignano, ristrutturando la scuola elementare del borgo. Un impegno in linea con la nostra missione: quella di valorizzare, attraverso l’aiuto concreto degli Enti locali, il patrimonio sociale, culturale e imprenditoriale del Paese.