FAQ Libretti di risparmio postale

F.A.Q.

Libretti di risparmio postale

Questa sezione è dedicata alle FAQ (domande più frequenti) sul Risparmio Postale, raggruppate per prodotto e tematica. Le FAQ hanno per oggetto le principali caratteristiche finanziarie dei nostri prodotti e le procedure amministrative di interesse specifico della nostra clientela.

Sugli argomenti trattati, quando necessario, è stato indicato il riferimento normativo.

Cerca

Cosa significa che il mio Libretto di Risparmio Postale è nell'elenco dei "depositi dormienti"?

Significa che il mio Libretto di Risparmio Postale pur nella libera disponibilità  delle somme, non viene movimentato da almeno 10 anni e presenta un saldo superiore a 100,00 euro (articolo 1 del D.P.R. 22 giugno 2007 n. 116 - Regolamento di attuazione dell'art. 1, c. 345, della legge 23 dicembre 2005 n. 266 in materia di depositi dormienti, entrato in vigore il 17 agosto 2007).

Per calcolare l'ISEE, mi viene richiesta la "GIACENZA MEDIA" del Libretto di Risparmio Postale nell'anno solare in corso. Cosa devo fare per ottenere questo dato?

E' necessario recarsi presso l'ufficio postale e compilare la relativa modulistica. Il rilascio di tale certificazione è gratuito. Si segnala che in caso di Libretto dematerializzato sul Rendiconto annuale delle registrazioni contabili è presente l'informazione sulla giacenza annua ai fine ISEE.

Ho richiesto il rilascio di una Carta Libretto. Devo attendere che mi sia recapitata?

No. Nel caso di Libretto dematerializzato, il rilascio della Carta (non attiva) è contestuale alla richiesta di apertura del libretto; il cliente potrà  attivarla tramite il POS di sportello o tramite qualsiasi ATM Postamat. Nel caso del Libretto cartaceo, invece, il cliente deve attendere che gli sia recapitato il PIN all'indirizzo comunicato e successivamente recarsi all'ufficio postale di radicamento per il ritiro della Carta.

Qual è il limite massimo di saldo su un Libretto al Portatore?

Il saldo dei Libretti al Portatore deve essere inferiore a 1.000,00 euro.

Il D.Lgs 90/2017 all'art. 3, comma 12, stabilisce che dal 4 luglio 2017 i libretti al portatore non potranno più essere emessi e quelli in circolazione dovranno essere estinti entro e non oltre il 31 dicembre 2018.

In caso di libretto Smart cointestato, è consentita l'esclusione della pari facoltà di disposizione?

Nel caso di libretto Smart cointestato non è consentita l'esclusione della pari facoltà di disposizione.

Di quanti libretti Smart è possibile essere titolari?

I libretti Smart possono essere intestati a persone fisiche maggiori d'età in numero non superiore a quattro. E' consentita l'intestazione di un solo libretto Smart alla stessa persona fisica o gruppo di persone fisiche.

Posso aderire al Libretto Smart se ho già un Libretto nominativo ordinario?

Se alla data di adesione si risulta già intestatari di un Libretto nominativo ordinario con la stessa intestazione che si vuole assegnare al Libretto Smart, si potrà aderire al libretto Smart esclusivamente tramite la "conversione" di tale Libretto nominativo ordinario. In tutti gli altri casi si può aderire al Libretto Smart tramite l'apertura di un nuovo Libretto.


1 2 3 4 5 6