Libretti di risparmio postale Faq: domande frequenti | CDP

F.A.Q.

Libretti di risparmio postale

Questa sezione è dedicata alle FAQ (domande più frequenti) sul Risparmio Postale, raggruppate per prodotto e tematica. Le FAQ hanno per oggetto le principali caratteristiche finanziarie dei nostri prodotti e le procedure amministrative di interesse specifico della nostra clientela.

Sugli argomenti trattati, quando necessario, è stato indicato il riferimento normativo.

Cerca

Quanti intestatari ci possono essere sui Libretti di Risparmio Postale nominativi ordinari?

I Libretti di Risparmio Postale nominativi ordinari possono essere intestati a più persone fisiche, in numero non superiore a quattro. A partire dal 31/10/2004, non sono possibili cointestazioni tra soggetti maggiorenni e minorenni, nè tra minorenni.

I cointestatari di un Libretto di Risparmio Postale devono necessariamente operare insieme?

No, possono operare anche autonomamente se il Libretto è stato aperto con l'apposizione della clausola della pari facoltà  di disposizione. In caso di apertura del Libretto Smart e del libretto dematerializzato, i cointestatari si intendono sempre a firma disgiunta.

Il Libretto di Risparmio Postale prevede dei costi o commissioni?

Nessuna spesa o commissione è dovuta per l'apertura, la gestione e l'estinzione del Libretto. E' prevista l'applicazione di oneri fiscali secondo quanto previsto dalla legislazione tempo per tempo vigente in materia. La duplicazione del Libretto cartaceo comporta il pagamento di euro 1,55.

Qual è la ritenuta fiscale sugli interessi maturati sui Libretti di Risparmio Postale?

Nessuna spesa o commissione è dovuta per l'apertura, la gestione e l'estinzione del Libretto. E' prevista l'applicazione di oneri fiscali secondo quanto previsto dalla legislazione tempo per tempo vigente in materia. La duplicazione del Libretto cartaceo comporta il pagamento di euro 1,55.

I versamenti e i prelievi dal Libretto possono essere effettuati presso qualsiasi ufficio postale? E per quali importi?

I versamenti in contanti e i prelievi possono essere effettuati presso qualunque ufficio postale, mentre il versamento di assegni puಠessere effettuato solo presso l'ufficio postale di radicamento del Libretto. I prelievi giornalieri in contanti di importo superiore a 600,00 euro, presso uffici postali diversi da quello di radicamento del Libretto, possono essere effettuati esclusivamente tramite la Carta Libretto. Per il libretto dematerializzato non esistono limiti di prelevamento in qualsiasi ufficio postale. In ogni caso il prelevamento in contanti di un importo rilevante deve essere compatibile con la disponibilità  di cassa dell'ufficio postale che effettua il pagamento. E' possibile effettuare la prenotazione della somma da prelevare o richiedere un vaglia circolare negoziabile presso qualunque istituto di credito; in tal caso non esiste alcun limite di importo.

In quali modalità  è possibile effettuare operazioni di versamento e prelievo su Libretti di Risparmio Postale?

E' possibile effettuare versamenti: in denaro contante, mediante negoziazione al dopo incasso di assegni bancari o circolari (servizio offerto da Poste Italiane con accredito del relativo importo solo ad incasso avvenuto). E' possibile effettuare prelievi mediante l'utilizzo della Carta Libretto presso gli sportelli automatici (ATM) contraddistinti dal marchio POSTAMAT entro i limiti di 600,00 euro giornalieri e di 2.500,00 euro mensili, ovvero presso tutti gli uffici postali. E' possibile, a richiesta e tramite il versamento delle commissioni previste dai Fogli Informativi, chiedere l'emissione di un vaglia o di un assegno vidimato in luogo del denaro contante.

Non è possibile utilizzare la Carta Libretto sui circuiti Visa o MasterCard.

Sono titolare di un Libretto di Risparmio Postale cointestato. Tutti i documenti relativi all'apertura e all'utilizzo del libretto sono in possesso dell'altro cointestatario. Per effettuare un prelievo posso rivolgermi presso qualsiasi ufficio postale?

Per i Libretti cartacei, i prelievi possono essere effettuati se in possesso del Libretto cartaceo o, in alternativa, della Carta Libretto.

Ho una delega alla singola operazione di prelevamento da parte della persona intestataria del Libretto di Risparmio Postale. Esistono limiti di importo prelevabile? Esistono differenze se mi reco all'ufficio di radicamento del Libretto oppure in un qualsiasi altro ufficio postale?

Per il Libretto cartaceo nel caso di delega per singola operazione è possibile effettuare il prelevamento unicamente presso l'ufficio postale di radicamento. Nel caso di delega permanente, nell'ufficio postale di radicamento sarà  possibile prelevare qualsiasi importo mentre, in uffici diversi dal radicamento, l'importo massimo giornaliero prelevabile è pari a 600,00 euro. Nel caso di Libretto dematerializzato, al delegato è rilasciata la Carta Libretto che permette di operare senza limiti presso qualsiasi ufficio postale.


1 2 3 4 5 6