Antiriciclaggio Cassa depositi e prestiti | CDP

Antiriciclaggio

CDP è tra i soggetti destinatari del Decreto Legislativo n. 231 del 2007 che contrasta il riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo.


Adeguata verifica della clientela

CDP acquisisce tutte le informazioni necessarie sui beneficiari dei propri prodotti o servizi mediante la compilazione di apposita modulistica, distinta a seconda che la controparte sia o meno una Persona Fisica (PF o NPF).

Le informazioni devono essere attestate da un intermediario finanziario presso il quale la controparte di CDP intrattiene un rapporto continuativo in essere (ad esempio, un rapporto di conto corrente).

Nei casi in cui, per chiari e fondati motivi, non sia possibile acquisire l’attestazione da parte di intermediari finanziari, CDP provvede direttamente alla verifica dei dati dichiarati dalla controparte, da acquisire mediante la compilazione di apposita modulistica.

Quando l’adeguata verifica sia stata già effettuata con riferimento al cliente e al titolare effettivo in relazione al rapporto in essere con CDP e risulti valida in base alle disposizioni contenute nella normativa interna, CDP procede all’identificazione ed alla verifica dell’identità dell’eventuale nuovo esecutore che agisca per la prima volta in nome e per conto del cliente, acquisendo le informazioni necessarie mediante un apposito modulo.

L’adempimento degli obblighi di adeguata verifica nei confronti di enti creditizi e finanziari insediati in Stati extracomunitari diversi dai Paesi terzi equivalenti, si esplica in un’attività di acquisizione e verifica di informazioni volta ad individuare gli assetti proprietari della controparte, comprendere la natura delle attività svolte, individuare il regime di vigilanza e dei controlli antiriciclaggio cui la controparte è sottoposta. A tal fine, CDP ha adottato un’apposita modulistica.

Ai fini dell’adempimento degli obblighi di adeguata verifica nei confronti della Pubblica Amministrazione, CDP ha adottato la seguente modulistica:

Questionario Paesi Maggiormente Sanzionati (PMS)

Al fine di quantificare l’esposizione aggregata della propria clientela verso i PMS, CDP ha strutturato uno specifico questionario che, costituendo parte integrante del processo di adeguata verifica in materia di antiriciclaggio, ha la finalità di individuare le Controparti coinvolte, direttamente o indirettamente con i PMS.

Allegato:

Conservazione delle informazioni

Ai destinatari della normativa antiriciclaggio è richiesto di conservare i documenti e registrare le informazioni che hanno acquisito per assolvere gli obblighi di adeguata verifica della clientela, affinché possano essere utilizzati per qualsiasi indagine effettuata dalla Unità di Informazione Finanziaria o da qualsiasi altra Autorità competente.

CDP ha istituito un Archivio Unico Informatico per la registrazione e conservazione delle informazioni sui rapporti con i clienti e le operazioni da questi realizzate.


Segnalazione operazioni sospette

Ai destinatari della normativa antiriciclaggio è richiesta una collaborazione “attiva” al fine di attuare un’efficace azione di prevenzione e repressione dei fenomeni di riciclaggio e finanziamento del terrorismo, che si sostanzia nell’obbligo di inviare alla Unità di Informazione Finanziaria (UIF) una segnalazione di operazione sospetta quando sanno, sospettano o hanno motivi ragionevoli per sospettare che siano in corso o che siano state compiute o tentate operazioni illecite.

CDP richiede a tutte le proprie entità organizzative (unità di business, di supporto e di controllo) che per qualunque ragione possano acquisire elementi tali da far sorgere il sospetto che siano in corso, siano state eseguite o tentate operazioni di riciclaggio o finanziamento del terrorismo, di avviare la procedura di segnalazione secondo le disposizioni della normativa interna, tracciando i processi di valutazione e decisionali anche mediante la compilazione di apposita modulistica.