Risparmio energetico

Questa schermata consente al tuo monitor di risparmiare energia. Clicca ovunque per tornare alla navigazione

 

Rischio di credito

I principi seguiti da CDP nelle proprie attività di finanziamento sono espressi dal Regolamento del Credito, che norma il funzionamento del processo del credito e i ruoli delle unità organizzative coinvolte.

Nell’ambito delle politiche di gestione e controllo del rischio di credito della Gestione Separata, CDP adotta un sistema di concessione dei finanziamenti agli Enti Territoriali in grado di ricondurre ogni prestito a categorie omogenee di rischio, definendo in maniera adeguata il livello di rischio associato ai singoli Enti, con l’ausilio di parametri quantitativi differenziati per tipologia di Ente e relativa dimensione.

Questo sistema di concessione dei finanziamenti consente di identificare, attraverso criteri qualitativi e quantitativi, i casi per i quali è necessario un approfondimento sul merito di credito del debitore.

Nel caso della Gestione Ordinaria e dei finanziamenti in favore di soggetti privati nell’ambito della Gestione Separata, ad esclusione dei plafond di supporto all’economia, CDP si avvale di un modello proprietario validato per il calcolo dei rischi di credito di portafoglio. Nell’ambito dello stesso sistema CDP calcola anche il capitale economico associato all’intero portafoglio crediti, con la sola esclusione delle posizioni associate al rischio Stato.

Per quanto concerne le controparti bancarie nelle operazioni in derivati di copertura, in virtù dei contratti quadro siglati (standard ISDA), si fa ricorso al netting (compensazione) per la riduzione dell’esposizione. Per rafforzare la mitigazione del rischio di credito CDP impiega sistematicamente da tempo contratti di Credit Support Annex che prevedono lo scambio periodico di garanzie reali (collateralizzazione). Lo schema di supporto adottato corrisponde allo schema standard proposto dall’ISDA. In riferimento alle operazioni di securities financing (principalmente pronti contro termine su titoli a reddito fisso), è previsto il ricorso ad accordi quadro di compensazione di tipo GMRA (Global Master Repurchase Agreement); inoltre, CDP ha da tempo aderito alla controparte centrale Cassa di Compensazione e Garanzia, attraverso la quale opera in pronti contro termine beneficiando di solidi meccanismi di protezione dal rischio di controparte.