Risparmio energetico

Questa schermata consente al tuo monitor di risparmiare energia. Clicca ovunque per tornare alla navigazione

Imposta di bollo
Imposta di bollo sui Libretti di Risparmio Postale
Imposta di bollo dipende dal saldo sul Libretto

L'imposta di bollo dipende dal saldo sul libretto?

Se il cliente è persona fisica, l'imposta non è dovuta quando la giacenza media complessiva dei Libretti con la medesima intestazione o cointestazione, rapportato al periodo rendicontato, non supera euro 5.000,00. Nell'ipotesi di superamento della suddetta soglia, l'imposta è dovuta con riferimento a ciascun Libretto nella misura annua pari a euro 34,20, se il cliente è persona fisica. Se invece il cliente è persona giuridica, l'imposta annua è pari a euro 100,00, indipendentemente dal saldo del libretto. Si veda in particolare l'art. 19, commi da 1 a 3, del D.L. 201/2011, convertito con modificazioni dalla Legge 214/2011. 

Tempi applicazione imposta di bollo

Quando viene applicata?

L'imposta viene applicata annualmente, in occasione della rendicontazione, e dunque al 31 dicembre di ciascun anno, a partire dal 31 dicembre 2012.

In caso di estinzione infrannuale del Libretto, l'imposta è applicata alla data di cessazione dello stesso e proporzionalmente ragguagliata al periodo rendicontato.

Pagamento imposta di bollo

Se chiudo un Libretto in corso d'anno, devo pagare l'intera imposta di bollo?

In caso di estinzione infrannuale del rapporto, l'imposta eventualmente dovuta è applicata alla data di cessazione dello stesso e proporzionalmente rapportata al periodo rendicontato. 

Pagamento imposta di bollo Libretti

Ho tre Libretti ma solo su uno ho una giacenza media superiore a euro 5.000,00. L'imposta la pago solo su quello?

L'imposta di bollo si calcola avendo cumulativamente riguardo a tutti i Libretti identicamente intestati. Pertanto, laddove la giacenza media superi euro 5.000,00, essa verrà applicata con riferimento a ciascun Libretto. 

Imposta di bollo Libretti Speciali per minori

L'imposta di bollo è dovuta anche sui Libretti Speciali per minori di età?

Sì, l'imposta di bollo trova applicazione anche alla rendicontazione relativa ai Libretti speciali dedicati ai minori di età. 

Modifiche Legge di Stabilità su imposta di bollo Libretti

Le disposizioni di carattere fiscale contenute, da ultimo, nella Legge di Stabilità per l'anno 2014 (legge 27/12/2013, n. 147), modificano la vigente disciplina dell'imposta di bollo sui Libretti di Risparmio Postale?

No, nessuna modifica legislativa ha interessato l'imposta di bollo sui Libretti di Risparmio Postale. Anche per l'anno 2014, pertanto, l'imposta resta dovuta nella misura di euro 34,20, se il cliente è persona fisica quando il valore medio di giacenza complessiva dei Libretti con la medesima intestazione o cointestazione, rapportato al periodo rendicontato, supera euro 5.000,00. Se invece il cliente è persona giuridica, l'imposta annua è pari a euro 100,00, indipendentemente dal saldo del libretto. 

Imposta di bollo sui Buoni fruttiferi postali
Applicazione imposta di bollo BFP

Come viene applicata l'imposta di bollo sui Buoni?

La metodologia di applicazione dell'imposta di bollo prevede un meccanismo di determinazione della stessa al 31 dicembre di ogni anno, ancorché l'applicazione resti fissata al momento del rimborso di ciascun titolo. Sono esenti dall'imposta di bollo i BFP di valore di rimborso complessivamente non superiore ad euro 5.000. Ai fini dell'esenzione da imposta di bollo sono unitariamente considerati tutti i BFP con medesima intestazione esclusi i BFP emessi in forma cartacea prima del 1° gennaio 2009. Si vedano, in particolare, l'art. 19, commi da 1 a 3, del D.L. 201/2011, convertito con modificazioni dalla Legge 214/2011 e l'art. 1, commi 581 e 582, della Legge 147/2013. 

Aliquote calcolo imposta di bollo

Quali sono le aliquote in base alle quali calcolare l'imposta di bollo sui Buoni Fruttiferi Postali?

Le aliquote in base alle quali calcolare l'imposta di bollo sui BFP sono fissate nella misura dell'1 per mille annuo per il 2012, dell'1,5 per mille annuo per il 2013 e del 2 per mille a decorrere dal 2014. 

Calcolo imposta di bollo

Per calcolare l'imposta di bollo si fa riferimento al solo capitale o anche agli interessi maturati?

Per calcolare l'imposta di bollo sui Buoni si fa riferimento esclusivamente al loro valore nominale in essere. Si tenga comunque conto che la soglia di esenzione di euro 5.000,00 viene calcolata sul valore di rimborso dei BFP al 31 dicembre.

Imposta di bollo Buono cartaceo sottoscritto prima del 2009

Ho un vecchio Buono cartaceo sottoscritto prima del 2009 di euro 6.000,00. Devo pagare l'imposta di bollo minima di euro 34,20?

Per i BFP emessi in forma cartacea prima del 1° gennaio 2009 l'imposta è calcolata proporzionalmente sul valore nominale del singolo titolo ed è in ogni caso dovuta nella misura minima di euro 2,00, ma non è prevista la soglia di esenzione per quei buoni il cui valore di rimborso sia complessivamente non superiore a euro 5.000,00. L'imposta sul suo titolo sarà quindi di euro 6,00 per il 2012, di euro 9,00 per il 2013, e di 12,00 euro a partire dal 2014 e per gli anni successivi.

Imposta di bollo Buoni dematerializzati

Ho due Buoni dematerializzati di euro 3.000,00 che scadono in momenti diversi. Si applica in questo caso l'imposta di bollo? E in che modo?

Ai fini del calcolo dell'imposta di bollo, si avrà riguardo alla complessiva posizione finanziaria in Buoni (ad esclusione dei BFP cartacei sottoscritti prima del 2009) detenuta al 31 dicembre di ciascun anno, a partire dall'anno 2012. Al 31 dicembre di ciascun anno si procederà al calcolo dell'imposta dovuta che verrà determinata con rifermento al valore nominale complessivo dei titoli detenuti ed accantonata per ciascun anno. Al momento della scadenza di ciascun titolo e della annotazione del relativo importo sul Libretto o sul conto corrente postale che fungono da conto di regolamento, l'imposta di bollo verrà proporzionalmente applicata per ciascuno di essi e detratta dall'importo rimborsato. Fintanto che al 31 dicembre dell'anno considerato l'ammontare complessivo del valore di rimborso dei Buoni in essere supererà quello di euro 5.000,00 (c.d. soglia di esenzione), l'imposta verrà applicata sul valore nominale secondo quanto sopra descritto. Inoltre, fintanto che il valore di rimborso del Buono residuo si attesti al di sotto della soglia di esenzione, l'imposta non sarà dovuta per gli anni a venire. 

Imposta di bollo di un buono dematerializzato e un buono cartaceo che scadono in momenti diversi

Ho un Buono dematerializzato di euro 3.000,00 e un Buono cartaceo di euro 4.000,00 che scadono in momenti diversi. Si applica in questo caso l'imposta di bollo? E in che modo?

Se il Buono cartaceo è stato sottoscritto dopo il 2009, vale lo stesso discorso fatto nel punto precedente. Altrimenti si considerano i due buoni separatamente e, per quanto riguarda il buono dematerializzato, non si applicherà l'imposta di bollo qualora il valore di rimborso sia inferiore a euro 5.000,00. In relazione al Buono cartaceo, l'imposta si applicherà nella misura di euro 4,00 nel 2012, euro 6,00 nel 2013 ed euro 8,00 negli anni successivi. 

Imposta di bollo Buono che scade nel 2015

Ho sottoscritto tanti anni fa un Buono che scade nel 2015. Devo pagare l'imposta di bollo su tutti gli anni o solo dal primo gennaio 2012?

L'imposta di bollo sui BFP si applica per ogni anno di possesso a partire dal 1° gennaio 2012.

Modifiche Legge di Stabilità su imposta di bollo BFP

Le disposizioni di carattere fiscale contenute, da ultimo, nella Legge di Stabilità per l'anno 2014 (legge 27/12/2013, n. 147), modificano la vigente disciplina dell'imposta di bollo sui buoni fruttiferi postali?

Sì, l'art. 1, commi 581 e 582, della legge di Stabilità ha modificato talune delle precedenti disposizioni legislative relative all'imposta di bollo sui BFP. 

Abolizione imposta di bollo minima su BFP

È stata abolita l'imposta di bollo minima di euro 34,20 sui Buoni Fruttiferi Postali?

Sì, a partire dal 2014 l'imposta minima di euro 34,20 è stata abolita. 

Imposta di bollo Buoni intestati a persone giuridiche

Se i Buoni sono intestati a persone giuridiche è prevista un'imposta massima?

Integrando la disposizione legislativa che, per l'anno 2013, prevedeva - nel caso di buoni intestati a persona giuridiche - che l'imposta fosse dovuta nella misura massima di euro 4.500,00, a partire dall'anno 2014 la misura massima resta fissata in euro 14.000,00. 

Imposta di bollo in caso di rimborso anticipato

Nel mese di settembre 2013 ho sottoscritto un BFP dell'importo di euro 6.000,00. Intendo ora chiederne il rimborso anticipato. Dovendosi applicare l'imposta di bollo, il valore netto di rimborso sarà perciò inferiore al valore nominale sottoscritto?

In tali casi, ai risparmiatori non sarà addebitato l'importo pari alla porzione dell'imposta di bollo applicata che abbia determinato un valore netto di rimborso inferiore al capitale investito.